venerdì 21 novembre 2008

INTERVIEWING GARY BASEMAN



How did you realize that art would have entered so suddenly in your life? In which particular moment of your life did you realize that this would have been your way?

Art did not enter my life. This description would be so subtle. Art exploded into my whole existence as a child. Even as a boy, I was living and breathing art. I was a precocious child, when it came to art but I was very immature in every other aspect of my life. Growing up in Hollywood, Pop Culture was everywhere. And I loved it.

But when it came to going to the university, I never studied art formally. I wanted a liberal arts education. I somehow thought, one can not learn art or, at least, your own personal voice, in school.
After college, I went through a great deal of insecurity and fear of failing as an artist. It took a few years of being truly miserable trying to compromise with thoughts of going to Law School or working in Adverstising before I made the decision to put myself out there to be an professional artist and show my portfolio and risk rejection.
So in my mid-twenties is when i made the true decision to live my life as an artist.

If you had to define your art, what kind of words would you use to do that?
Desire. Longing. Lust. Bittersweet. Absurd. True. Everywhere. Everywhere. Pervasive. The english term, Pervasive, means that something is perceived everywhere. And I used that term to describe my art movement.
As long as an artist is true to there unique voice and has a strong message, I believe an artist can put his or her mark on any medium, very gallery walls, toys, fashion, tv, film, internet, skateboards, lamps, condoms, etc, etc, etc.
But the theme of my art usually has to do with the bittersweetness of life. The good and bad mixed together. Love and Death. Ecstasy and Loss. The human condition. But I do it in a very playful way. Very sweet and dirty. Very iconic.
My voice may have a very pop culture background, my imagery I try to keep them very poetic.

If i'm right, you were born as illustrator and cartoonist but you have worked as commercial and editorial artist and as a television and film art directorand producer of animation also. A very prolific artist so that the next question easily comes: Who is Gary Baseman? What' s his real passion? What does make his heart beating fast?
What is my real passion? What makes my heart beat fast? Girls. Girls. Girls. I love women. i love intimacy. I love the closeness. I love everything about it. The touch. The kiss. The anticipation. I love to look at women. Their eyes, their curves. I love the ability of being truly giving and truly selfish. I love to dream about it. To draw it. To create worlds about it. I created ChouChou who takes all the girls negative energy and hate, and he absorbs it and oozes it out of his belly button as creamy gooey love. I created Hotchachacha who deflowers angels by stealing their halos.
In your paintings always appears the feminine gender, mostly looking like little girls, and strange puppets that somehow give a touch of anxiety to the picture. What' s the meaning of them? Among the characters that you have created, which one is your favorite one? And why?
Yes, I seem to love to draw girls. Women. Young women sometimes. and their "imaginary friends. " I love these little creatures, they usually represent man. And usually represent a side of "me."
My real favorite right now is ChouChou. I just recently created a vinyl sculpture of him in Japan. He is so cute.
They are very limited but I want to create a non-limited version of him.
But the one creature who means so much to me is Toby. Toby is the keeper of your dirty little secrets. I created him at a time when I needed a best friend, a mirror, someone who is my shadow.
I have been taking him around the world photographing him in surreal ways.
What's the message of your art? What do you think about when you are painting? Which is the role that color has in your work?
Each exhibition has a theme, and I explore them through my paintings and sculptures. Overall, I try to understand an aspect about the beauty of the bittersweetness of life.
It could be in the Happy Idiot exhibition where the Snowman sacrifices himself by melting himself down to let his love the mermaid live within his body of water. Or the "I am Your Piñata" show, where I try to explore allowing oneself to open themselves up to the world and not be afraid of rejection by being hit by the big stick of life.
What is your source of inspiration? Which are the artists that influence you the most?
Well, my sources of inspiration is pretty much what my real passion is or what defines my art. Desire. Longing. Girls.
I find my inspiration all over. Of course, in art. But I also find inspiration in all aspects of life. Some of my favorites are, Man Ray, Walt Disney, Andy Warhol, Charles Addams, Dr. Suess, Leonard Cohen, the Velvet Underground, the Beatles, the Marx Brothers, Jeff Koons, Yoshitomo Nara, David Bowie, Philip Guston, Charlies Bukowski, Marcel Dzama, KAWS, and of course, many of my contemporaries in the LA art scene like Mark Ryden, Marion Peck, Rob and Christian Clayton, Camille Rose Garcia, Richard Colman, and Seonna Hong, to name a few.
When i contacted you, you told me you were coming back from an amazing trip in Russia where you had an exhibition and five speaking engagements. What does this experience have left to you?
I did have the time of my life in Russia. My parents met in Russia at the end of the Second World War. I am the first in my family to go back since the war. If my parents made a different decision and stayed in Eastern Europe, I could have been from there and not from Hollywood. I thought the people were wonderful. and the girls so beautiful. I danced every night in wonderful causal clubs till 5:30am every morning.
Everyone seems so interested in the art. They can see it on the internet but this is the first time they can see it in person. They still can't come out to America. They need visas but maybe i can bring the art to them and may be help change things for artists to come in and out of Russia.
Some of your works are part of the permanent collections of the National Portrait Gallery in Washington D.C. and the Museum of Modern Art in Rome. When have you been the last time in Rome and what did you love mostly of that beautiful city?
The last time I was in Rome, I did a live painting at the Castel Saint Angelo. it was a beautiful night and I painted outside barefoot. I had a wonderful time and I was very proud of the painting I completed.
but afterwards I ran myself down and became really ill. it was so frustrating cause I love Rome and Italian food and lost two days to get well.

I do want to tell the story of when I had my first solo exhibition in Rome at Mondo Bizarro, I brought my first prototype of Toby to Rome. And snuck a photo of him in the Sistine Chapel, since I wanted to introduce Toby to Michelango. I got one nice photo taken that day.
and That very night, the pope died.
it was freaky.

What can you suggest to who is going to start a career like yours?
Everyone should start their own career. Find their own way. The best advice would be to look deep inside themselves and understand what they want to say as an artist and start expressing themselves.
Also they need to take responsiiblity for not just the creation of art, but also who sees the art and how it is seen. Also remember, if you are going to create a new visual language, then you are responsible to teaching others that language.

What are your projects for the future?
My long term goal is to create a true art company with a staff of artists and designers, blurring the lines between fine art and commerce, producing products, publishing, sculpture, fashion and entertainment.
More short term goals is a small solo exhibition in Israel in January, a big celebration and exhibition in LA in April, with my new book "Creamy Gooey Love" coming out, and a big NY exhibition in October.
And I hope to visit Italy and get into as much good trouble as possible.





Daniela Petkovic



Come hai capito che l’arte sarebbe entrata così improvvisamente nella tua vita?In quale particolare momento della tua esistenza hai capito che QUELLA sarebbe stata la tua strada?

L’arte non è entrata nella mia vita. Tale affermazione sarebbe troppo restrittiva. L’arte è esplosa nella mia intera vita già da bambino. Sin da piccolo vivevo e respiravo arte si può dire. Ero tanto precoce quando si parlava di arte quanto immaturo in ogni altro aspetto della vita. Sono cresciuto a Hollywood, la cultura pop era ovunque. Ed io amavo ciò.
Quando venne il momento di frequentare l’università, non ho mai preso in considerazione di studiare arte in modo sistematico. Volevo un’educazione artistica più liberalista. In qualche modo pensavo che l’arte,o almeno la tua personale visione dell’arte, la tua voce interiore, non potesse essere appresa a scuola.

Dopo il college ho attraversato un brutto momento di insicurezza e paura di fallire come artista. Ci sono voluti un paio d’anni in cui ero veramente angosciato e dilaniato tra il pensiero di andare a studiare legge o lavorare in pubblicità prima di prendere la decisione di mettermi in gioco in quanto artista professionista e mostrare il mio portfolio rischiando anche un rifiuto. Quindi è stato a vent’anni che ho preso veramente la decisione di vivere come artista.

Se dovessi definire la tua arte,con quali parole lo faresti?

Desiderio. Anelito. lussuria. Agrodolce. assurda. Vera. Ovunque. Ovunque. Penetrante. Il termine inglese per penetrante è pervasive ed indica che qualcosa sia percepita ovunque. Ed ho usato quel particolare termine per descrivere il mio movimento artistico.
Fino a che un artista è fedele alla sua voce interiore ed ha un messaggio forte da trasmettere, credo che tale artista lo possa imprimere su ogni mezzo, parete di galleria, giocattolo, moda,tv, film, internet, skates, lampade, preservativi ecc ecc ecc

Ma il tema pregnante della mia arte generalmente ha a che fare con l’amarezza della vita. Il bene ed il male mixati insieme. L’amore e la morte. L’estasi e smarrimento. La condizione umana. Ma lo faccio in maniera molto giocosa. Molto dolce e un po’ sporcacciona. Molto ironica. La mia “voce” potrebbe avere uno sfondo di una cultura pop molto marcata, ma il mio simbolismo, quello cerco di mantenerlo molto poetico.


Se non erro, sei nato come illustratore e vignettista, ma hai lavorato anche come editore e grafico pubblicitario, come direttore artistico televisivo e filmo grafico e produttore di animazione anche. Un artista così prolifico che la domanda nasce da sé: chi è Gary Baseman? Qual è la sua vera passione? Cosa fa battere forte il suo cuore?



Qual è la mia vera passione? Cosa fa battere forte il mio cuore? Le donne, donne ed ancora donne. Adoro le donne. Amo l’intimità. Amo la vicinanza. Adoro tutto ciò che concerne queste cose. Il tocco. Il bacio. L’anticipazione. Amo guardarle. I loro occhi, le loro curve, adoro la loro abilità di essere al contempo veramente e profondamente altruiste ed egoiste. Amo sognare di tutte queste cose. Ed amo disegnarle. Creare dei mondi che le riguardano. Ho creato ChouChou che prende tutto l’odio e l’energia negativa femminile, li assorbe e li rischizza fuori dal suo ombelico come un’appicicaticcia crema dell’amore (sperma n.d.r). Ho creato anche Hotchachacha che rende impuri gli angeli rubandoli le loro aureole.


Nei tuoi dipinti appare sempre il genere femminile, perlopiù rappresentato sotto forma di ragazzine, e strani pupazzetti che in qualche modo trasmettono una vibrazione di ansia all’intera immagine. Qual è il loro significato? Fra i personaggi che hai creato, qual è il tuo preferito e perché?

Si in effetti, pare proprio che io ami disegnare ragazze. Donne. Giovani donne a volte ed i loro “amici immaginari”. Adoro queste creaturine che generalmente rappresentano gli uomini. Ed una parte di me.
Il mio preferito al momento è Chouchou. Ho appena creato una sua scultura vinilica in Giappone. E’ così carino. Sono un numero limitato, ma vorrei crearne una versione illimitata.
Ma la creatura che ha un vero grande significato per me è Toby. Toby è il custode dei nostri piccoli sporchi segreti. L’ho creato in un momento in cui mi serviva un migliore amico, uno specchio, qualcuno che fosse la mia ombra. L’ho portato con me in giro per il mondo, immortalandolo nei modi più surreali.


Qual è il messaggio della tua arte? A cosa pensi mentre dipingi? Qual è il ruolo del colore nelle tue creazioni?


Ogni collezione ha un tema, che io esploro e rappresento sotto forma di dipinti e sculture. Soprattutto cerco di capire e rappresentare un aspetto della bellezza dell’amarezza della vita.
Potrebbe essere nella collezione "Happy Idiot,” dove il pupazzo di neve si sacrifica facendosi sciogliere per lasciare che il suo amore, una sirena, possa vivere nel suo corpo disciolto. Oppure potrebbe trattarsi della mostra “Sono la tua Piñata” dove cerco di rappresentare il tentativo di apertura al mondo di alcuni individui senza la pauradi venire colpiti dalla morale della vita.

Qual è la tua fonte di ispirazione? Quali sono gli artisti che ti hanno influenzato di più?
Beh, la mia fonte di ispirazione non è altro che la natura della mia vera passione e della mia arte. Il desiderio. L’ anelito. Le donne.
Trovo la mia ispirazione ovunque. In arte,ovviamente. Ma trovo l’ispirazione anche in tutti gli aspetti della vita. Alcuni dei miei preferiti sono: Man Ray, Walt Disney, Andy Warhol, Charles Addams, Dr. Suess, Leonard Cohen, the Velvet Underground, the Beatles, the Marx Brothers, Jeff Koons, Yoshitomo Nara, David Bowie, Philip Guston, Charlies Bukowski, Marcel Dzama, KAWS, ed ovviamente molti dei miei contemporanei nella scena artistica di Los Angeles come Mark Ryden, Marion Peck, Rob and Christian Clayton, Camille Rose Garcia, Richard Colman, and Seonna Hong, per citarne alcuni.
Quando ti ho contattato mi hai detto che eri appena tornato da un bellissimo viaggio in Russia, dove c'è stata una tua mostra e hai ottenuto cinque nuovi ingaggi/contatti. Cosa ti ha dato questa esperienza?
Mi sono divertito tantissimo in Russia. I miei genitori si sono conosciuti in Russia alla fine della seconda guerra mondiale. Io sono il primo della famiglia ad essere tornato indietro dopo la guerra. Se i miei genitori avessero preso una decisione differente e fossero rimasti nell’ Europa dell’ Est ora potevo essere originario di quelle parti e non di Hollywood. Ho pensato che la gente era meravigliosa e le ragazze stupende. Ho ballato tutte le notti in stupendi e casual bar fino alle 5.30 del mattino ogni mattina.
Tutti sembrano interessati all’arte. Gli artisti possono vederla in internet ma era la prima volta che hanno avevano l’occasione di vederla di persona poiché incontrano non poche difficioltà ad andare in America. Hanno bisogno del visto ma forse posso portare loro l’arte e aiutarli nel cambiare le cose e nel favorire la loro circolazione.

Certi tuoi lavori fanno parte della collezione permanente alla National Portrait Gallery di Washington D.C e del Museo di Arti Moderne di Roma. Quando è stata l’ultima volta che sei andato a Roma e cosa hai apprezzato di più di quella meravigliosa citta’?


L’ultima volta che sono stato a Roma ho dipinto live a Castel Sant' Angelo. è stata una bellissima notte e ho pitturato all’aperto a piedi nudi. Ho avuto una straordinaria esperienza ed a lavoro completato ero molto fiero.
Ma poi mi sono subito ammalato ed è stato frustrante perché amo Roma e la cucina italiana e ho perso due giorni per ritornare in forma.
Voglio raccontare l' aneddoto di quando ho esposto a Roma presso la galleria d' arte Mondo Bizzarro, ho portato per la prima volta il mio prototipo di Toby a Roma. Gli feci una foto nella Cappella Sistina poiché volevo presentarlo a Michelangelo. Quel giorno ho fatto una bella foto. E la stessa notte il Papa morì. è stato davvero strano.


Cosa suggeriresti a chi vuole intraprendere la tua stessa carriera?
Tutti dovrebbero iniziare la propria carriera e trovare la propria strada. Il miglior consiglio che potrei dare e di guardarsi bene dentro e capire cosa si intende trasmettere come artisti, e iniziare ad esprimersi. Inoltre coloro che intraprendono questa carriera devono assumersi le proprie responsabilità, non solo per la loro creazione ma anche nei confronti di chi la vede e di come viene la si vede. E poi ricordate, se state creando un nuovo linguaggio visuale è vostro compito insegnare questo linguaggio agli altri.
Che progetti hai per il futuro prossimo?


Il mio obiettivo votato al lungo termine è di creare una compagnia d’arte con uno staff di artisti e designers, offuscando le linee fra l’arte fina e quella commerciale, producendo prodotti, pubblicità, sculture, fashion e intrattenimento.
I prossimi traguardi invece sono esporre in Israele a Gennaio, poi una grande festa e un' esibizione a Los Angeles in Aprile in occasione dell' uscita del mio nuovo libro "Creamy Gooey Love"e un' importante mostra a NY in Ottobre.
E spero di visitare l’Italia e di trovarvici più occasioni possibili.

traduzione a cura di Sarah Ferhane



14 commenti:

baris ha detto...

a successful interviev with an interesting guest,and an interesting subject..direct,and correct questions..also with perfect language and expressive accent...congratulations...

Natascia ha detto...

Complimenti, è davvero un gran bel pezzo! Scritto bene ma soprattutto le domande sono perfette.. Sei riuscita a cogliere l'anima dell'arte di Baseman1 Un gran bell'articolo.. Ancora complimenti.

Anonimo ha detto...

Bellissima intervista,molto interessante,e divertente,con domande semplici,dirette e mirate,le risposte molto chiare,congratulazioni

Anonimo ha detto...

bella intervista infatti mi raccontava la sarah a Bristol quando ti abbiamo preso il pupazzetto di questo artista:DDD che gli avevi fatto un intervista....noi siamo sempre a disposizione tua se vuoi farcene una pure ahah

a presto fratella!!!

un abbraccio

Adri e Luke
Comfort Room

STEF ha detto...

very interesting interview, i like Gary Baseman and how express its emotions...good work keep in touch...;-)

Anonimo ha detto...

Ma complimenti,bella intervista! Ottime domande e pezzo scritto davvero bene,brava!
Claudio

Genzo ha detto...

intervista lineare. senza picchi ma nemmeno senza cadute. ottimo polso nella gestione delle domande. complimenti.
spingere un poco di più non sarebbe stato sbagliato ma crescerà, ovviamente, la capacità di porsi in un orizzonte dialettico più propriamente artistico e slegato dalla canonicità raggelante del giornalismo contemporanea.
una forma espressiva basata sulla ricerca tra due entità, ovviamente, si svolge in forma unilaterale; senza possibilità di sorta l'intervistatore deve essere in grado di sublimare la non-presenza del lettore nel rapporto con l'intervistato. e coagularlo in parole e forme appropriate alla "recita" che va a crearsi fra le controparti. dove, chiaramente, il giornalista deve fare da padrone. senza, tuttavia, intervenire in maniera disturbante all'interno del vero rapporto esistente; ovvero quello fra intervistato e lettore.
la sussunzione e la parole ideale di un intervistatore. egli deve essere la forma attraverso cui la materialità dei due capi del rapporto (i succitati lettore ed intervistato) viene a formarsi e desumersi. egli (intervistatore) è l'ipostasi più importante di un sillogismo complicato e delicato.
deve non esistere (giacchè nulla del suo deve sporcare il pensiero dell'intervistato) e deve essere potenza assoluta di pensiero (sta a lui sussumere in sè la volontà di conoscenza d'ogni lettore. per distillare la giusta domanda).
complimenti Dani.

Genzo ha detto...

mmmh pensavo di specificare anche meglio.

Genzo ha detto...

scusa. ho fatto un casino. lol

comunque. volevo specificare come una visione semplicemente sillogistica del succitato rapporto possa aiutare a comprendere il fuoco della parabolica questione.
il sillogismo (come sai) viene dal greco συλλογισμός, sulloghismós - ragionamento concatenato, formato da συν "insieme" e λογισμός "calcolo".
il sillogismo partendo dai tre tipi di termine "maggiore" (che funge da soggetto nella conclusione), "medio" e "minore" (che nella conclusione funge da predicato) classificati in base al rapporto contenente - contenuto, giunge ad una conclusione collegando i suddetti termini attraverso brevi enunciati (premesse).
questa elementarità ci dispiega dinnanzi agli occhi la forma ideale del rapporto fra i tre termini che intervengono nel corso di un'archetipica intervista. in cui in ogni momento. ogni termine, proprio in virtù della proprietà circolare, "ouroborotica", del sillogismo, si trova istantaneamente, in ogni momento, in ogni posto ed è rispettivo e corrispettivo, sempre, di ognuno dei termini che intervengono.

spero di essere stato più o meno chiaro. perchè secondo me è un tipo di ragionamente che potrebbe rivelarsi molto utile ai fini di un'intervista, poichè a mio dire rivela il carattere più propriamente meccanicistico; rivela gli ingranaggi di un tipo di dialettica unidirezionale che altrimenti non disvelerebbe ogni sua proprietà contenutistica.
propriamente il rincorrersi, sussumendosi e desumendosi a vicenda, dei termini implicati produce, ovviamente, una chiarificazione del termine della ricerca sino a renderlo palese (si tratta ovviamente di un'iperbole), di modo che la parola scritta sia fonte di accrescimento, cosicchè scateni domande, che portino a scrivere parole che siano fonte di accrescimento, cosicchè scatenino domande, che portino, nuovamente a scrivere parole utili, che scatenano domande, e così via...

lo so. sono prolisso e vagamente noioso. ma secondo me è utile specificare no?
saluti

Anonimo ha detto...

ciao lala
già sai che apprezzo molto il tuo lavoro:)
sei una che farà passi da gigante..e se vuoi qlc passetto ti aiuterò a farlo anch'io;)
love you

sarah

Anonimo ha detto...

Devo ammettere che non è propriamente il campo artistico in cui mi trovo più a mio agio e mi viene un pò difficile sviluppare un giudizio critico nei tuoi confronti ma posso dirti in tutta sincerità che hai fatto un lavoro splendido e mi auguro di poter leggere al più presto un altro capolavoro firmato D.Petkovic...keep on keepin'on!
Love

Looser

ejiro ha detto...

Just to let you know that I find your interview very successfully implemented.
A work well done.

I am looking forward to your proposed interview of me soon.
Hope to hear from you later.
Thanks.
Timothy Orikri

www.TimothyOrikri
TimothyOrikri@yahoo.com

nicoz ha detto...

mi piace il tuo bloooggg!!!! tornero'! :)

nicoz ha detto...

(anzi come incoraggggiamento t metto tra i miei linksss)